#Il Capitano Maria

Ho girato la manifestazione di dissenso dell’Associazione Solo Dirigenti al regista e sceneggiatore della serie Andrea Porporati.

Questa la sua risposta:

Apprendo con molto dispiacere che da alcuni un personaggio che appare nella prima puntata della serie “Il capitano Maria” è stato interpretato come un rappresentante negativo della categoria dei dirigenti scolastici.

Ci tengo a chiarire che non è assolutamente questa l’intenzione, né mia, né della coautrice, né della Palomar.

Quel personaggio, come quelli di ogni storia, rappresenta solo se stesso. I suoi difetti come le sue virtù, sono solo suoi e non hanno niente a che vedere con la professione che svolge nel film.

Altrimenti si dovrebbe ritenere che ogni figura di fantasia, che non sia positiva diffami in qualche modo la categoria cui appartiene, per esempio un Don Abbondio dovrebbe essere considerato un’offesa dai parroci, o il giudice che condanna ingiustamente Pinocchio una figura che lede l’onore dei magistrati.

E’ evidente che non è così.

Colgo l’occasione per esprimere la mia più grande stima per i dirigenti scolastici e per i docenti in generale.

La scuola e il suo mondo stanno molto a cuore a me e a Vanessa Incontrada, che in un altro film tv, “La classe degli asini”, andato in onda l’anno passato su Rai Uno, abbiamo raccontato e interpretato la storia vera proprio di una preside eroe, Mirella Antonione Casale, che tra le prime ha sperimentato l’inclusione dei bambini disabili nelle classi ordinarie.

Crediamo che la scuola italiana sia un presidio di civiltà e cultura che vigila quotidianamente sul futuro dei nostri figli e che vada difesa e salvata, non solo nelle fiction.

0 Commenti

Commenta

PALOMAR S.p.A. - P.Iva 01284061007 e C.F. 0439660580

Entra con le tue credenziali

o    

Hai perso la password?